“La notte d’’a mamma e d’’a figlia”

manifesto 23.06.2014

La notte di San Giovanni al Cimitero dei Colerosi di S. Maria a Macerata in San Clemente di Caserta.

“Cadente nel solstizio d’estate, questo giorno di San Giovanni si carica di misteri, di prodigi e di antiche angosce, che premono e maturano nella notte della vigilia …”: così Alfonso M. di Nola, uno dei massimi antropologi italiani e del mondo, iniziava un suo studio sui riti di San Giovanni che mescolavano insieme racconto evangelico del martirio di Giovanni Battista ed ancestrali cerimonie del solstizio d’estate. Acqua, terra, fuoco, aria, vegetazione, animali ed uomini coinvolti in un momento magico in cui speranze e paure, superstizioni e fede sono alla base di usanze che ormai vanno perdendosi.
A Caserta, ed in modo particolare nella frazione di San Clemente, questa notte si carica di un particolare mistero: la leggenda vuole che in una zona ai margini del paese, in una cupa (un antico passaggio dalla pianura alla collina), apparirebbero una mamma ed una figlia, colpevoli in un tempo immemorabile dell’ efferato delitto della decapitazione di un soldato romano, accusandosi vicendevolmente e condannando gli incauti viandanti a fare la stessa fine.
Per festeggiare la notte di San Giovanni ed insieme per ricordare questa antica leggenda, la Parrocchia di San Clemente P.M. ha organizzato per il 23 giugno, con inizio alle ore 21.00, “La notte d’’a mamma e d’’a figlia”, una manifestazione in cui rievocazioni storiche, musica popolare, brevi conferenze, si alterneranno ad azioni sceniche e racconti.
La serata si terrà presso l’antico Cimitero dei Colerosi annesso alla Cappella Campestre di Santa Maria a Macerata, lungo la statale 7 Appia tra Maddaloni e Caserta.
Ed appunto a ricordare l’antica funzione di cimitero, l’evento si aprirà con la rievocazione della sepoltura di Giovanni Graefer, figlio del più noto Andrew John, creatore e curatore del Giardino Inglese della Reggia di Caserta, il quale in una notte del giugno del 1837 venne portato proprio a Santa Maria a Macerata per esservi inumato, in quanto morto di colera.
Ma subito dopo sarà la volta della musica popolare con “’A via ‘e Perrune”, il noto gruppo folk che darà vita all’entusiasmante spettacolo “Bella Figliola”, tra antichi canti e danze tradizionali.
Uno spazio sarà dedicato all’arte e all’antropologia con due esperti: Luigi Fusco, critico d’arte, parlerà delle Madonne delle Grazie o del Latte e del loro legame con le Anime del Purgatorio a Caserta e nel circondario; Marcello Natale, antropologo, dei riti di San Giovanni. Due brevi interventi accompagnati da immagini rare e suggestive.
L’angolo dei racconti sarà occupato dall’attore Pierluigi Tortora che presenterà la sua ultima “creatura”: “Racconti brevi di un ragazzo qualunque nato a Caserta nel 1963”, un libro appena edito che già promette risate e divertimento, ma anche riflessioni sulla nostra città.
La musica sarà ancora protagonista grazie al Coro parrocchiale, che ha recuperato alcuni antichi canti in onore di Maria e ne ha composto di originali, per presentare un raffinato viaggio all’interno della canzone sacra intitolato “E dodici son le stelle …”.
Chiuderà la serata, allo scoccare della magica ora di mezzanotte, una originale azione scenica in cui si vedrà materializzato il terrore delle notti di San Giovanni dei sanclementesi: l’apparizione della Mamma e della Figlia.
A condire di gusto l’evento, la pizza “in diretta” di “Donna Sofia”, noto locale casertano, che ha messo a disposizione professionalità, attrezzature e maestranze per offrire gli antichi sapori locali. Un angolo sarà dedicato anche ai bambini con gli animatori di “Estate in Parrocchia 2014”.

“La serata – dichiara don Gennaro d’Antò, parroco di San Clemente – rientra in quella serie di iniziative che dall’ottobre scorso intendono valorizzare il sito di Santa Maria a Macerata, che ospita un prezioso affresco del Trecento e conserva ancora una singolare indulgenza plenaria che è possibile ottenere, alle condizioni previste, nei giorni vicini a Pentecoste e all’otto settembre, Natività della Vergine”.

Le informazioni su http://www.sentieridimemoria.it e su http://www.facebook.com/sentieridimemoria.

Questa voce è stata pubblicata in NEWS e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...